La Famiglia Visconti

Cent’anni di storia sul Lago di Garda

La famiglia Visconti pone le sue radici sul Garda circa un secolo fa e ha da sempre avuto un profondo legame con questo territorio, tanto che fu proprio questa famiglia a credere nelle potenzialità del vitigno Turbiana, uva autoctona presente nella zona a Sud del Lago di Garda, ancora prima che il Lugana diventasse una denominazione di origine.

Già dagli anni ’50, infatti, la famiglia Visconti, dopo diversi decenni di attività, si preparava a farsi conoscere come la prima ambasciatrice di quella che con il tempo sarebbe diventate una delle denominazioni più entusiasmanti dell'enologia italiana, dimostrando una grande lungimiranza e fiducia nel potenziale del Lugana, denominazione allora praticamente sconosciuta.

La passione e la tenacia della famiglia Visconti permise la diffusione di questo vitigno in tutta l’area meridionale del Benaco, a cavallo tra Lombardia e Veneto, fino a farla diventare l’uva a bacca bianca più importante del nostro territorio e che ha contribuito a rendere i vini gardesani famosi a livello nazionale e internazionale.

Visconti e Lugana

Un legame indissolubile

La produzione del Lugana nasce e si lega indissolubilmente a quello della famiglia Visconti, tanto che ancora oggi questo nome rievoca l'origine del Lugana. In particolar modo il Lugana Visconti costituisce un elemento di identificazione della città di Desenzano del Garda e viene proposto con orgoglio e affetto dalla maggior parte dei locali storici del centro città.

Nei primi anni 2000, la Famiglia Visconti, dopo decenni di attività nel settore vitivinicolo, decide di orientare la propria attività imprenditoriale verso altri progetti. La loro eredità viene trasmessa ad un’altra famiglia storica che si è sempre dedicata alla viticoltura, la Famiglia Formentini. Da subito è nata la volontà e la sensibilità di mantenere viva la memoria storica ed il valore culturale di un marchio riconosciuto e consolidato. Nel 2012, infatti, avendo le storiche cantine confermato l’intenzione di cessare la propria attività, tra le due famiglie viene raggiunto un importante accordo per dare continuità al marchio Visconti.

Due strade parallele, quelle di Visconti e Formentini, che hanno trovato interessi comuni e nuove sinergie con progetti ambiziosi e di grande prestigio.

La famiglia Formentini, storici colleghi e amici dei Visconti hanno da sempre condiviso gli stessi valori e l’amore per il proprio territorio, all’interno della loro realtà ricettiva e vitivinicola Podere Selva Capuzza. La volontà di acquisire il brand Visconti nasce dalla volontà di voler tutelare e non perdere un pezzo di storia del Lugana e del Lago di Garda, ma di rafforzarlo e di proporlo con nuova vitalità sui mercati nazionali e internazionali. La missione di Selva Capuzza, che si sintetizza con il claim “proteggiamo il sapore di questi luoghi” è sempre stata quella di tutelare il valore del proprio territorio, dal punto di vista ambientale, paesaggistico e sociale. Per questo motivo il valore immateriale del marchio Visconti è entrato naturalmente a fare parte di questo scrigno di attività e di responsabilità culturale legata al luogo ed ai valori.

Oggi nulla cambia sostanzialmente nell’identità dei due marchi.

“Visconti” rappresenta ora un valore aggiunto all’immagine del Podere Selva Capuzza e nel rispetto delle tradizioni si è scelto di mantenere distinta la produzione delle due linee, mantenendo la collaborazione con i partner storici dell’azienda Visconti, i cui Lugana continuano ancora oggi ad essere prodotti con i vigneti dai quali nascono da decenni, con l'unica differenza dell'essere vinificati, separatamente, nella cantina di Selva Capuzza.

I vini a marchio Selva Capuzza e quelli a marchio Visconti conservano così la loro identità, legata al territorio ed alle caratteristiche dei terreni dai quali nascono.


L'archivio delle bottiglie del passato